Spiaggia della Purità

Il Seno della Purità, che prende il nome dall’omonima chiesa che sorge di fronte, dà vita alla caratteristica spiaggia e fiancheggia una sezione di circa 300 m. delle mura che circondano la città vecchia.
Affacciandosi dalle mura si può ammirare uno dei paesaggi più suggestivi di Gallipoli.
Da qui in poi ha inizio la riviera Nazario Sauro lungo la quale sorgeva la Torre della Purità o della Ghizzena, andata distrutta intorno alla fine del secolo scorso.
Proseguendo si incontrava la Torre di Sant’Agata o delle Saponare che prendeva il nome dalla cappella della Santa siciliana e dagli opifici che si trovavano nei pressi in cui veniva prodotto, da donne esperte, il sapone.

 

 

 

 

 

 

 

 

Testo originale – Elio Pindinelli
Traduzione in lingua inglese a cura di Rocco Merenda